Pigmenti - ARTEIKON - IMMAGINI DELL'INVISIBILE Un itinerario ed un incontro nella Bellezza originaria

Vai ai contenuti

Menu principale:

Download
Pigmenti
_____________________________________________________________________________

La tavolozza degli antichi iconografi - I colori e i loro utilizzo

_____________________________________________________________________________
Le icone vengono dipinte con tempera all'uovo, che è una misura di rosso d'uovo, di acqua e di pigmenti colorati.
¹Il primo termine in corsivo è il nome greco, dato da Teofrasto,
mentre i seguenti sono i termini russi corrispondenti.
_____________________________________________________________________________
Bianco (¹Psimùthion, "belila": bianco di piombo) Utilizzato sia per gli schiarimenti, mescolato con altri pigmenti,
sia allo stato puro per l'ultimo tratteggio di luce sui volti e le drapperie.
_____________________________________________________________________________Ocra (Ochra, "ohra": ocra) Largamente utilizzate innanzitutto per i volti e le parti visibili del corpo in una mescolanza chiamata sankir, poi per le vesti, le montagne e le architetture, mescolate con bianco, nero e verde.
_____________________________________________________________________________
Giallo (Arrènikon, "zelt', blaigelb, bliagil, kron": giallo di piombo, giallo di cromo)
Le indicazioni concerneti la pittura dei santi non menzionano che raramente il giallo.
_____________________________________________________________________________Rosso (Kinnàbaris, "kinovar": cinabro, vermiglione) Questo pigmento era già conosciuto nel terzo millennio
dalle tribù della cultura di Maikop, a sud della Russia.
"Sourik": rosso vivo era anche utilizzato come essiccativo, per accellerare l'essiccazione dell'olifa.
_____________________________________________________________________________
Verde ("Praselen'": verde pallido) Colore fondamentale per le icone.
Si utilizza per dipingere la terra, le montegne e i fondi che non richiedevano una grande luminosità.
_____________________________________________________________________________
Blu (Kyanos, "lazor": oltremare) Utilizzato per le vesti e le mescolanze che servono agli schiarimenti.
Il lapislazzuli merita una menzione particolare perchè è di qualità superiore.
_____________________________________________________________________________
Nero ("Tchernila'": nero d'avorio, nero di vite)
Con questo pigmento si dipingevano le grotte, l'interno delle finestre,
le iscrizioni ed era usato nelle mescolanze.
_____________________________________________________________________________

Composti

("Sankir'": carnagione) Colore base per i volti e le parti visibili del corpo.
Il pigmento principale è l'ocra gialla, mescolata con del nero, del bianco, e a volte del verde.
Da questa mescolanza si ricavano alcune tinte per gli schiarimenti.
_____________________________________________________________________________
("Bagor'": bruno-rosso) Mescolanza di nero con vermiglione o carminio. Indicato per la veste della Vergine.
_____________________________________________________________________________
("Reft'": grigio scuro) Formato con il bianco, il nero, il blu, il vermiglione e un pò di ocra,
veniva utilizzato per le architetture e le nuvole.
_____________________________________________________________________________
("Ditch'": bruno-grigio) Utilizzato per dipingere le vesti dei monaci, simbolo dell'ascesi,
la mescolanza è composta dal carminio, blu e bianco oppure di ocra, blu e vermiglione.
_____________________________________________________________________________
("Eksedra": nero-rosso) Mescolanza di nero e carminio utilizzata per i disegni nella carnagione e per le iscrizioni.
_____________________________________________________________________________

ARTEIKON.eu - Angelo Vaccarella - Mobile: (+39) 3282324187
Via Casacelle, 154 - Parco G. B. Casa - A/2 - 80014 Giugliano in Campania - Napoli  
Torna ai contenuti | Torna al menu